Biografie e protagonisti - Società

Filippo Meda

L'intransigente che portò i cattolici nello Stato

Centro Ambrosiano

Protagonisti del nostro tempo

Copertina rigida
 7,51

Disponibilità immediata

Spedizione gratuita per acquisti oltre € 29,90

Anno di pubblicazione
2003
Pagine
128
Codice ISBN
9788880252955

Filippo Meda (1869-1939), avvocato, giornalista, politico, ebbe un ruolo pari o di poco inferiore a quello di Luigi Sturzo nel portare i cattolici italiani alla partecipazione alla vita pubblica italiana.

Seguace di don Albertario, cercò di realizzare un partito di ispirazione cattolica, autonomo e aconfessionale, ancora prima di Sturzo. Fu deputato e, nel 1916, il primo cattolico a divenire ministro del regno d’Italia. Nel dopoguerra fu tra i fondatori dell’Università cattolica. Aderì al partito popolare, pur mantenendo sempre una sua posizione particolare.

Ministro ancora con Giolitti, rifiuto più volte di divenire presidente del consiglio. Di fronte alspazio fascismo consiglio dapprima una posizione cauta attesa e si ritirò poi nel silenzio quando il regime fece tacere la sua rivista “Civitas”, uscendone solo nel 1927 per difendere in tribunale Alcide De Gasperi.


Ti potrebbe interessare anche

Bonardi Pietro

Centro Ambrosiano

 7,51

Trionfini Paolo

Centro Ambrosiano

 7,51

Vanin Monica

Centro Ambrosiano

 7,51