Adolescenti-Giovani - Società - Storie di vita

Figli perduti e ritrovati

La parabola dei due fratelli tra storie e voci del carcere minorile

Centro Ambrosiano

Giovani

Copertina rigida
 13,21

Disponibilità immediata

Spedizione gratuita per acquisti oltre € 20

Anno di pubblicazione
2014
Pagine
208
Collana
Codice ISBN
9788868940157

«La parabola dell’uomo che aveva due figli mi appartiene da sempre. Me l’hanno consegnata fin da bambino tanti padri e tante madri incontrati nel cammino dell’esistenza. Mai avrei pensato di poter rileggere oggi questa “parabola delle parabole“, questo “vangelo nel vangelo”, attraverso gli occhi, i volti e le storie dei ragazzi incontrati nel carcere minorile Cesare Beccaria di Milano e nelle comunità di accoglienza Kayròs in cui abito. Quindici anni di vita sacerdotale intensi a fianco di quei ragazzi che l’opinione pubblica definisce “cattivi“, “bulli“, “giovani devianti” sono bastati a farmi comprendere come il viaggio del figlio minore della parabola non sia così separato da quello del figlio maggiore, e come sempre meno abbiano senso distinzioni tra figli “buoni” e figli “cattivi”.Siamo tutti figli perduti e ritrovati, tutti bisognosi di guarigione e di perdono, tutti in viaggio verso casa alla ricerca del Padre, il solo buono”.» (don Claudio Burgio)

«Bisogna tornare a “occuparsi” dei giovani più che a “preoccuparsi” di loro. Le nuove generazioni hanno bisogno di adulti che facciano gli adulti e che non coltivino, in modo irresponsabile, il mito dell’eterna giovinezza. Ma i ragazzi “difficili”, come i ragazzi più “normali” che vivono “all’ombra del campanile” e nei nostri stupendi oratori, hanno bisogno anche di amici, di fratelli maggiori con cui mettersi in dialogo. Il giovane della parabola non ha trovato questo fratello: per questa ragione, nonostante l’amore sconfinato del Padre, la parabola ci lascia un po’ di amaro in bocca. Vorrei rivolgermi non solo agli adulti, ma anche e in particolare ai giovani e riaffermare con forza che non possiamo dirci veramente cristiani se eludiamo la domanda di Dio: “Dov’è Abele, tuo fratello?”, se non ci apriamo a quell’atteggiamento che papa Francesco chiama “la cultura dell’incontro”». (dalla prefazione del card. Dionigi Tettamanzi)”


Ti potrebbe interessare anche

Campiglio Luigi, Magnoni Walter, Petrosino Silvano, Scola Angelo

Centro Ambrosiano

 7,51

Martini Giulio

Centro Ambrosiano

 14,16