«Vieni e vedi», un evidente richiamo al “Battezzati e inviati”, tema scelto per il mese missionario straordinario, nell’ottobre 2019.

Un invito a lasciar risuonare anzitutto nel nostro cuore queste parole, prima ancora di intraprendere iniziative o buttarsi subito su ciò che va cambiato o lamentarsi perché il mondo e anche tanti cristiani non sanno più che cosa farsene del battesimo. Forse, non hanno mai incontrato qualcuno che ha detto loro con la passione di Filippo: «vieni e vedi».

Entrare nel nostro cuore credente, nel mio cuore di credente e gustare di nuovo il dono della fede, ricevuta, immeritata, accolta con la stessa freschezza di Filippo: questo è il primo obiettivo del mese. Forse, con il tempo, quella freschezza un poco se ne è andata: non il dono! Il dono di Gesù Risorto che con il suo Spirito abita il nostro cuore è ancora lì, tutto intatto. Basta riaprire il nostro cuore alla gioia del Vangelo per sentire che, prima ancora di chiederci di rinnovare la nostra vita, ci spinge ad andare e a dire a un altro: vieni anche tu a conoscere ciò che sta donando speranza e futuro alla mia esistenza.

Questo semplice sussidio, pur dando priorità alla Parola di Dio quotidiana, la vera sorgente della speranza, offrirà qualche spunto a partire dai temi che la Congregazione per l’Evangelizzazione dei popoli ha indicato per ogni settimana:

  • 1ª settimana – L’incontro personale con Gesù Cristo vivo nella sua Chiesa: Eucaristia, Parola di Dio, preghiera personale e comunitaria
  • 2ª settimana – La testimonianza: i santi, i martiri della missione e i confessori della fede, espressione delle Chiese sparse nel mondo intero
  • 3ª settimana – La formazione missionaria: Scrittura, catechesi, spiritualità e teologia
  • 4ª settimana – La carità missionaria
  • 5ª settimana – L’invio missionario.

Abbiamo chiesto a fratelli e a sorelle, religiosi o laici, che hanno vissuto o stanno vivendo un’esperienza in missione, di offrirci il breve commento al Vangelo quotidiano. Come si capirà, le mani sono diverse, ma il cuore ha lo stesso battito: quello di chi ha incontrato Gesù risorto e desidera che anche altri lo conoscano.

A conclusione di ogni giornata, una preghiera tratta dai documenti pontifici che hanno ispirato questo mese missionario straordinario.


Arcidiocesi di Milano

Per storia, estensione e struttura ecclesiale è tra le più importanti del mondo ed è la prima diocesi in Europa per numero di cattolici. Conta circa 2000 preti diocesani, circa 800 religiosi, più di 6.000 religiose. Il Seminario Arcivescovile per la formazione dei sacerdoti è a Venegono Inferiore (Va). La diocesi è detta "ambrosiana" dal nome del suo patrono Sant'Ambrogio (340-397). Si estende su un territorio di 4.234 kmq e comprende le province di Milano, Varese e Lecco, Monza-Brianza, parte di quella di Como e alcuni comuni delle province di Bergamo e Pavia. Ha una popolazione di oltre i 5,4 milioni di abitanti. È composta da 1107 parrocchie, distribuite in 73 decanati, organizzati in 7 Zone pastorali.

Ti potrebbe interessare anche

Arcidiocesi di Milano

Centro Ambrosiano

 1,05