immagine post facebook 570

E’ con grande gioia che invitiamo tutti (gli allievi con le loro famiglie, le aziende che collaborano con noi, gli amici del Centro salesiano e del Centro di Formazione Professionale del Cnos-fap, chi già ci conosce e chi potrebbe conoscerci in questa occasione…) alla “Cena degli avanzi“, organizzata per giovedì  28 marzo a partire dalle ore 20.

La “Cena degli avanzi” nasce dal libro “BUTTA IN TAVOLA – Ricette semplici e piatti d’autore con avanzi e scarti di cucina. Per non escludere niente e nessuno(Edizioni IPL, pagine 168, euro 18,00). Si tratta di un libro di ricette molto particolare: racconta piatti semplici e gustosi realizzati utilizzando quello che avanza dal giorno prima o che abbonda nel frigorifero di casa.

Tutte le ricette nascono dall’esperienza del Refettorio Ambrosiano, realizzato da Caritas Ambrosiana nel contesto di Expo Milano 2015, dove ogni giorno vengono preparati piatti “belli e buoni” per i poveri della città, seguendo le ricette insegnate dai grandi chef che si sono alternati nella cucina di piazza Greco, guidati da Massimo Bottura.

«Con questa iniziativa – spiega il direttore di Caritas Ambrosiana, Luciano Gualzetti, che sarà presente alla cena di giovedì 28 – abbiamo raccolto una provocazione e una sfida: imparare a non buttare via niente, a cucinare e riutilizzare gli avanzi della nostra tavola, rimettendo nel piatto quegli “scarti” che altrimenti andrebbero sprecati.»

Giovedì 28 marzo, gli allievi del settore Ristorazione del nostro Centro  di Formazione Professionale comporranno un menù con le ricette contenute nel libro, e prepareranno la cena per gli ospiti che avranno voluto accettare il nostro invito.

Alla serata interverranno il Direttore di Caritas Ambrosiana, Luciano Gualzetti, e la curatrice del libro, Maria Teresa Antognazza.

Il costo della cena è di 15,oo €; è necessario una prenotazione entro il 18 marzo 2019, chiamando lo 02.93772275 (chiedere di Sara) o scrivendo a cena@cnosarese.it

Durante la cena sarà possibile acquistare il libro “Butta in tavola”.